Tecniche speciali in implantologia.

Piccolo rialzo del seno mascellare: osteotomo in sito. Rialzi del seno mascellare.
Nell'arcata superiore, nei settori dei molari, l'osso puo', a volte, non essere sufficiente ad inserire gli impianti. perche, subito al di sopra di esso. si trova il seno mascellare. Il seno mascellare e' una cavita' piena d'aria che comunica con le cavita' nasali e che spesso si fa sentire quando si infiamma, provocando la sinusite..
Il dentista deve allora ricorrere a delle tecniche che consentono di ottenere piu' osso per gli impianti. Sono le tecniche di "Rialzo del seno mascellare"..
Distinguiamo:.
Il piccolo rialzo del seno mascellare.
Il grande rialzo del seno mascellare.

PICCOLO RIALZO DEL SENO MASCELLARE

Detta anche tecnica di Summers. Dopo aver preparato il sito implantare con la usuale tecnica si inserisce nel foro un osteotomo e con un movimento rotatorio si incide la corticale Piccolo rialzo del seno mascellare: Rialzo effettuato. del seno, successivamente percuotendo delicatamente si frattura la corticale e si solleva contemporaneamente la membrana interna del seno.
Come illustrato in figura, si parte da una situazione ossea di 6 mm e si arriva ad una altezza di 11 mm sufficiente per l'inserimento dell'impianto.

GRANDE RIALZO DEL SENO MASCELLARE

Questo intervento viene eseguito quando abbiamo uno spessore osseo inferiore ai 6 mm. Dopo aver fatto un lembo a tutto spessore per scoprire la parete anteriore del seno mascellare, con uno strumento smussso si provoca la frattura della parete del seno. Si inserisce l'impianto e si riempie con osso osteoinduttivo compattandolo bene intorno all'impianto.
Nell'arcata inferiore usiamo membrane e materiale sintetico osteoinduttivo o osso autologo in modo da avere uno spessore sufficiente ed inserire impianti con una stabilitÓ ottima. La percentuale di successo, anche grazie a queste Gande rialzo del seno mascellare. aperture della finestra ossea. tecniche volte a far crescere osso dove non c'Ŕ, Ŕ estremamente alta ( 85-90%).

ESPANSIONE DELLA CRESTA ALVEOLARE

Questa tecnica si applica nei casi in cui lo spessore della cresta alveolare non consente l'inserzione degli impianti.
Dopo aver praticato un foro iniziale con la fresa pilota, l'espansione della cresta si attua introducendo una serie di osteotomi di spessore sempre piu' grande, allargando gradualmente l'alveolo chirurgico e compattando il tessuto osseo ai lati e verso il fondo fino ad ottenere la dimensione necessaria e sufficente ad inserire l'impianto.